Citroën lancia i primi occhiali che aiuteranno a combattere il mal d’auto

Citroën ha presentato un paio di occhiali senza vetro, pieni di liquido blu, che possono eliminare i sintomi del mal d’auto

mal d'auto
Soffri di mal d’auto? Da oggi il problema può essere risolto indossando gli innovativi occhiali Seetroën. Questo problema (noto anche come chinetosi) colpisce oltre 30 milioni di europei in modo cronico. Una persona su tre sperimenta sintomi della chinetosi almeno una volta nella vita. La soluzione arriva dall’impegno del noto marchio automobilistico, Citroën. Avendo appreso di una soluzione inizialmente sviluppata per i marinai, Citroën ha deciso di estenderne l’uso al pubblico, sia su barche che su auto, autobus e aerei, creando questi particolari occhiali. Essi sono dotati di liquido in movimento negli anelli intorno agli occhi, sia lungo l’asse frontale (destra /sinistra) che sagittale (fronte/ retro), che ricrea la linea dell’orizzonte per risolvere il conflitto tra i segnali inviati dal cervello.

Il mal d’auto si verifica quando il nostro cervello percepisce rapporti contraddittori sul movimento avvertito dagli occhi e dall’orecchio interno. La confusione si traduce in chinetosi. Poiché gli occhiali Seetroën  non sono dotati di vetro, possono essere indossati da chiunque, anche sopra gli occhiali da vista. Occorre indossarli per 10-12 minuti dopo che i sintomi della chinetosi si sono presentati per farli sparire. Gli occhiali Seetroën  utilizzano la tecnologia Boarding RingTM e la soluzione, brevettata e testata, ha un indice di efficacia del 95%. Per il design Citroën si è rivolta a 5.5, uno studio di design collettivo con sede a Parigi, che ha incorporato con successo lo stile fresco, semplice ed ergonomico del marchio. Il risultato è un paio di occhiali con un look high-tech in plastica bianca soft-touch, che possono essere acquistati dal negozio online di Citroën.

Gli occhiali che restituiscono il piacere del viaggio

immagine: ©topix.com – video: ©youtube.com

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Vuoi sapere meglio le cose? Vai agli APPROFONDIMENTI →