Taglia il pene al marito, lo cucina e pubblica le foto sui social

Taglia il pene del marito, lo cucina con i noodles e pubblica le foto sui social. Ecco i dettagli della storia

Taglia il pene al marito
Lekki, Nigeria – La storia ha come protagonista una coppia e i noodles. La donna, 47enne, si chiama Udeme Otike-Odibi, lavora come avvocatessa ed è accusata di aver assassinato il marito. L’uomo, 50enne, Sym, si stava preparando ad un viaggio nel Regno Unito.

L’uomo ha vissuto un incubo quando sua moglie ha deciso di evirarlo senza pietà, lasciandolo in agonia. Non contenta, la donna ha usato il pene come una salsiccia e lo ha saltato in padella insieme a dei noodles. Infine, ha pensato alla diffusione sui social delle foto della vittima sanguinante, in preda al dolore e il membro in bella mostra nel piatto. Il movente dell’aggressione violenta sarebbe il tradimento ripetuto dell’uomo. L’accusa mossa contro la 47enne è quella di omicidio.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

La verifica delle foto del pene con cui “condisce” i noodles non è ancora terminata, quindi ci sono ancora dubbi. La donna avrebbe perfino commentato dicendo: “Mio marito può stare tranquillamente senza quell’arnese“.

La ricostruzione

L’avvocatessa sarebbe tornata a casa prima del previsto, trovando il marito in compagnia della donna delle pulizie. A quel punto la 47enne non ci avrebbe più visto. Senza farsi sentire, avrebbe afferrato il coltello più tagliente e sarebbe entrata in azione. Si può soltanto immaginare il terrore della vittima, il quale avrà aperto gli occhi per il dolore ritrovandosi senza pene e in un lago di sangue. Mentre il 50enne avrebbe cercato di frenare l’emorragia, la moglie, incurante, si sarebbe diretta in cucina per preparare il piatto dell’orrore.

Le foto dei noodles osé sono finite sui social e le segnalazioni alle forze dell’ordine sono state inevitabili. Le reazioni degli utenti sono state furibonde: c’è gente che si è chiesta se quel piatto fosse autentico o uno scherzo, e chi si è indignato per l’accaduto.

Vuoi sapere meglio le cose? Vai agli APPROFONDIMENTI →

STAI ANCORA UN PO' CON NOI! LEGGI ANCHE QUI:

Loading...