In che modo la protezione solare protegge la pelle dai raggi UV e come sceglierla?

Secondo i dermatologi il fattore di protezione solare SPF non è molto importante, ciò che conta è applicarlo correttamente

protezione solare
Quando ci esponiamo al sole pensiamo a proteggere la pelle dai raggi UV, ma come scegliere la protezione solare? Meglio acquistare una crema con SPF 15 o SPF 50? Il dottor Steven Q. Wang della Skin Cancer Foundation, ci avverte che  il fattore di protezione SPF non fa la differenza. Si potrebbe pensare che un SPF più elevato assicuri una maggiore protezione rispetto a uno con SPF basso. Lo fa ma non di molto: un SPF 15 blocca il 93% delle radiazioni UVB, mentre un SPF 50 lo eleva a un trascurabile 98%. In realtà è solo un moltiplicatore che dice per quanto tempo la protezione impedirà alle radiazioni UVB di scottare la pelle. Calcolare ogni quanto tempo dobbiamo riapplicare la crema solare in base al SPF può sembrare strano.

Wang afferma che applicare la protezione ogni due ore, o dopo aver nuotato o sudato, è un sicuro compromesso, non importa quale SPF si sta usando. Spesso i prodotti con SPF molto alti creano un falso senso di sicurezza. Si tende a stare al sole molto più a lungo saltando la riapplicazione. Ma la protezione solare di solito non dura così a lungo in quanto sudore, attrito e semplici capricci della formulazione del prodotto possono farlo svanire prima. Inoltre l’SPF è solo una misura di protezione contro i raggi UVB che causano scottature, ma sono i raggi UVA a causare il maggior invecchiamento della pelle. Pertanto, per  proteggersi da tutti i danni del sole, occorre trovare una formula ad ampio spettro che copra entrambi.

immagine:© phq24.ru

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Vuoi sapere meglio le cose? Vai agli APPROFONDIMENTI →