Sapevi che esiste il Campionato mondiale di Quidditch babbano?

Recentemente si è svolto a Firenze il Campionato mondiale di Quidditch babbano (sport magico in Harry Potter), cioè per il non maghi

Quidditch
Pochi giorni fa si è concluso la IQA World Cup (il Campionato mondiale di Quidditch) e ad aggiudicarsi la coppa sono stati gli Stati Uniti. Il Campionato si è tenuto in Italia, a Firenze. Le precedenti edizioni si sono tenute in Inghilterra nel 2012, in Canada nel 2014 e in Germania nel 2016. L’Italia si è classificata ottava, un buon risultato. Sicuramente meglio della nazionale italiana di calcio.

Ovviamente le nazionali non sono composte da maghi e streghe, infatti si tratta della versione babbana di Quidditch. Per quei pochi che non lo sapessero, il Quidditch è lo sport ufficiale della scuola di Hogwarts, quella frequentata da Harry Potter.

Chi è il genio che ha inventato questa versiona babbana? Xander Manshel, uno studente del Middlebury College in Vermont. Ha pensato ad una versione giocabile dai babbani, quindi senza scope volanti, poi ha avviato un torneo intrauniversitario. E’ cresciuto fino a diventare un’organizzazione senza scopi di lucro. Si è sviluppato in Europa e poi in tutto il mondo.

Regolamento del quidditch in Harry Potter

Segnare punti infilando le palle (chiamate pluffe) in uno dei tre cerchi posti ai due estremi del campo. La squadra è composta da portiere, battitori, cacciatori e cercatore. Vince la squadra il cui cercatore riesce a catturare per primo il boccino d’oro, guadagnando 150 punti. Il tutto a bordo delle scope mentre pericolose palle (chiamate bolidi) cercano di disarcionare i giocatori.

Regolamento del quidditch babbano

La versione babbana è simile, ma senza scope volanti e bolidi. I giocatori stanno tutto il tempo cavalcioni a un bastone che non deve toccare il suolo. Vince la squadra che fa più punti indipendentemente dalla cattura del boccino (che vale solo 30 punti).

Quidditch

immagine: © iqasport.com – video: © youtube.com

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Vuoi sapere meglio le cose? Vai agli APPROFONDIMENTI →