Sapevi che in Italia solo il 4% è laureato?

Secondo i dati in possesso dell’Ocse, solo il 4% degli italiani è laureato. La media degli altri paesi è del 17%

laureato
L’Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico), certificando lo stato di salute del nostro sistema scolastico nell’annuale Education at a glance 2018, ha mostrato come l’Italia sia ancora indietro rispetto alla media degli altri paesi sulla percentuale di laureati: 4% in Italia contro il 17% degli altri paesi.

Livello di istruzione

Basso il livello di istruzione dei 25/64enni italiani: 4% con la laurea, contro il 17% dei paesi Ocse. Nel 2017 solo 27 giovani tra i 25 e i 34 anni su 100 sono in possesso di una laurea, contro la media Ocse di 44 giovani. I maschi si laureano meno delle donne: 20% contro il 33%.
Secondo i dati Ocse, conviene studiare perché si hanno più opportunità lavorative e guadagni maggiori, ma in Italia non è così: pochi laureati trovavo occupazione. Infine, solo 25 italiani su 100 studiano e si aggiornano in età adulta: la media Ocse è di 50, il doppio.
L’Italia ha quasi raggiunto la piena scolarizzazione per i bambini di età compresa tra i 5 e i 14 anni (tasso superiore al 90%).

I reportage dall'Italia e dal Mondo

Equità del sistema scolastico

Le scuole italiane bocciano troppo. Il 3% dei bocciati alle medie e il 7% alle superiori. La media Ocse è del 2% alle medie e del 4% alle superiori.
Ma il sistema di istruzione italiano si dimostra più equo, infatti 71 giovani su 100 con genitori non laureati proseguono gli studi universitari, contro la media Ocse di 47 giovani.

Finanziamenti all’istruzione

L’italia spende meno degli altri paesi per l’istruzione, anche se negli ultimi anni è cambiato qualcosa in positivo. Gli italiani spendono più di quanto ricevono: gli studenti pagano mediamente di tasse dai 1000 ai 647 dollari e soltanto 20 giovani su 100 ricevono un supporto economico.

immagine: © collegesolutionsus.com

Vuoi sapere meglio le cose? Vai agli APPROFONDIMENTI →

STAI ANCORA UN PO' CON NOI! LEGGI ANCHE QUI: