Devil lips, la moda delle labbra del diavolo

Devil lips, la moda delle labbra del diavolo viene dalla Russia e su Instagram ha preso piede sotto forma di hashtag

Devil lips
Le Devil Lips (o labbra del diavolo), sono la nuova (stupida) moda della chirurgia estetica. La moda viene dalla Russia e su Instagram ha preso piede sotto forma di hashtag, tra l’apprezzamento di alcuni e lo sconcerto di altri. Su Instagram sono iniziate a girare le prime foto che mostrano questa nuova tendenza nel campo della chirurgia estetica.

Questo tipo di “filler labbra” consente di sollevare due angoli della bocca per farla assomigliare a quella dei cattivi dei cartoni animati. E’ possibile sollevare verso l’alto due o più angoli del labbro superiore e abbassare due o più angoli del labbro inferiore, ottenendo, così, una particolare forma della bocca. Forma simile a quella dei cattivi di alcuni personaggi dei cartoni animati. Ci si può, poi, divertire con rossetti e lucidalabbra di tutti i colori.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

Cristina Varesi, medico estetico a Milano, ha spiegato che “la tecnica delle Devil lips non ha un riscontro scientifico ufficiale. Non esiste un tipo specifico di filler da impiegare e, sebbene i lividi che possono comparire dopo il trattamento siano da considerarsi esiti transitori legati a qualsiasi tipo di iniezione, non mi sento di definire questa procedura un atto medico“.

Ha poi aggiunto che bisogna “porre al centro la salute e il benessere secondo valori etici e deontologici di settore. “Le Devil lips si possono, quindi, considerare una deviazione malata di quella parte di medicina che mira solo a stupire. Questo credo sia il riflesso della nostra società, dove è forte il bisogno di essere diverso, di farsi notare e dove i canoni estetici di bellezza vengono stravolti perché, in fondo, manca equilibrio dentro di sé. Il caos del mondo esterno è anche e soprattutto la disarmonia individuale». Una disarmonia che i social network hanno finito per accentuare. I like, oggi, sono un mezzo di espressione incosciente, che non comporta alcuna riflessione sul giudizio espresso, ma una necessità inconscia di appartenere ad un gruppo“.

Gallery

 
 
 

Vuoi sapere meglio le cose? Vai agli APPROFONDIMENTI →

STAI ANCORA UN PO' CON NOI! LEGGI ANCHE QUI: