Renzo Piano ha rivelato come fare un castello di sabbia perfetto

Ti piacerebbe costruire il castello di sabbia perfetto? Segui le indicazioni dell’architetto Renzo Piano e il tuo sogno diventerà realtà

castello di sabbia
Costruire un castello di sabbia è un’attività senza limiti di età, ma richiede ingegno e creatività. All’interrogativo “come realizzare il castello di sabbia perfetto?” ha risposto qualcuno che di strutture architettoniche ne sa tantissimo: Renzo Piano, l’architetto, orgoglio italiano, conosciuto in tutto il mondo. Ha ereditato dal papà, un costruttore edile, la passione per l’architettura ideando opere d’arte (monumenti, edifici e musei) famose in tutto il mondo. Gli edifici più conosciuti: Centre George Pompidou a Parigi, Postdamer Platz a Berlino, l’Auditorium Parco della Musica a Roma, il grattacielo Shard a Londra, e tanti altri ancora.

L’architetto ha rivelato al The Guardian come fare un castello di sabbia perfetto. Ha raccontato che è un argomento che conosce molto bene dato che è papà di 4 figli. “Ho costruito il mio primo castello di sabbia sulla spiaggia di Genova, dove sono cresciuto. Costruire cose è sempre stata una gratificazione per me e costruendo castelli di sabbia mi sono esercitato con la fantasia“.

E ora prendi appunti:

  • valutare la distanza che separa il castello dal mare perché se troppo vicino sarà distrutto dalle onde, se troppo lontano non si avrà l’acqua con cui filtrare
  • scavare un piccolo canale dove la sabbia è più umida
  • con le mani creare una piccola montagna con un’inclinazione di circa 45 gradi
  • il castello non dovrebbe superare i 60 cm di altezza
  • non scavare oltre i 30/45 cm di profondità
  • va ricavato un ingresso scavando all’interno e che consenta all’acqua di entrare, così, quando arriveranno le onde, si andrà a creare un fossato in maniera naturale
  • scelta la posizione giusta l’acqua scorrerà per 10/15 minuti circa
  • posizionare una bandierina in cima per renderlo visibile

immagine: © pic2.me

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Vuoi sapere meglio le cose? Vai agli APPROFONDIMENTI →