Perché il cane ci segue ovunque andiamo?

La scienza ha provato a spiegare perché il cane ha l’abitudine di seguire ovunque il suo padrone

Perché il cane ci segue ovunque andiamo?
Perché il cane ci segue ovunque. Se si sta molto tempo fuori, quando si torna a casa il nostro amico a quattro zampe ci segue ovunque, anche in bagno. Non a caso lo chiamano “il migliore amico dell’uomo“. Esistono molte spiegazioni sui motivi che spingono i cani a diventare la nostra ombra.

Ecco perché il nostro cane fa questo

Il primo motivo, sostenuto da diverse pubblicazioni scientifiche (riportate sul Reader’s Digest), è collegato ad un istinto del cane, che si sente parte di un branco e desidera stare il più vicino possibile agli altri componenti di questo branco, in questo caso i suoi padroni.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

Il secondo motivo ha a che fare con il “bonding” (il legame che, attraverso i secoli, si è stabilito fra cane addomesticato ed essere umano). Lo sostiene la professoressa Laurie Santos, direttrice del Canine Cognition Center at Yale University: il cane considera il suo padrone come necessario alla sua sopravvivenza.

Il terzo motivo si chiama “rinforzo positivo“. Si tratta di tutti quei vantaggi che il cane ottiene stando vicino all’uomo: coccole, carezze, attenzioni, dolcetti.

Il quarto motivo, sostenuto dalla dottoressa Rachel Barrack, riguarda la scuola di pensiero che prevede che il cane adottato prima dei 6 mesi consideri il suo padrone come la sua mamma.

Infine, l’ultimo motivo, i cani sono essenzialmente curiosi e quindi ci seguono perché vogliono scoprire cosa stiamo combinando.

Vuoi sapere meglio le cose? Vai agli APPROFONDIMENTI →

STAI ANCORA UN PO' CON NOI! LEGGI ANCHE QUI: