Occhi finti di plastica per fare sembrare più freschi i pesci

Un pescivendolo incollava occhi di plastica sul pesce nel tentativo di farlo sembrare più fresco. Trucchetto non sfuggito a chi l’ha acquistato

Occhi di plastica sul pesce per farlo sembrare fresco
Kuwait – Occhi di plastica sul pesce per farlo sembrare fresco. A volte la realtà supera di gran lunga la fantasia, ma si sa le bugie hanno le gambe corte e prima o poi la verità viene a galla. Una verità di certo scomoda, che costerà cara a un pescivendolo che incollava occhi di plastica sul pesce nel tentativo di farlo sembrare più fresco.

Il trucchetto non è sfuggito però a chi quel pesce l’ha acquistato. Le immagini degli occhi finti che scivolano giù per mostrare quelli reali, gialli e spenti, dal Kuwait sono diventati virali sui social, ma mentre gli utenti ci scherzano su, il quotidiano arabo Al Bayan, fa sapere che il ministero del commercio del Kuwait ha messo i sigilli al negozio e i proprietari sono accusati di frode.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

Da quanto tempo andava avanti questa storia? Possibile che se ne siano accorti solo ora? La denuncia è partita da Ayman Mat che su Facebook ha pubblicato un breve video del pesce con gli occhi finti. Mentre lo lavava, un occhio di plastica è venuto giù. Le immagini hanno fatto il giro del mondo, ma al contrario degli utenti del web, il ministero non sembra divertito.

Ci vorrebbe una multa per la truffa e una ricompensa per la creatività”, scrive un utente e un altro: “Perché sta facendo così scalpore, evidentemente il pesce aveva problemi di vista”.
Anche altri negozi di pesce in Kuwait appaiono divertiti. In tanti hanno pubblicato annunci del tipo: “pesce fresco senza miglioramenti cosmetici” o ancora “pesce senza lenti colorate“.

Ma al di la delle battute e di questo racconto che sembra surreale, il ministero adesso indaga su una tattica ingannevole che potrebbe non essere un caso isolato, perché qui a rischio c’è la salute dei cittadini che acquistavano pesce convinti fosse fresco.

greenme.it

Vuoi sapere meglio le cose? Vai agli APPROFONDIMENTI →

STAI ANCORA UN PO' CON NOI! LEGGI ANCHE QUI: