Accadde oggi 18 gennaio

L’accadde oggi aiuta a ricordare i fatti più rilevanti accaduti nella storia passata e recente in Italia e nel mondo

Accadde oggi 18 gennaio
L’accadde oggi aiuta a ricordare i fatti più rilevanti accaduti nella storia passata e recente in Italia e nel mondo.

Conferenza di Parigi

A due mesi dalla conclusione della Prima guerra mondiale, s’inaugurò con la Conferenza di Parigi una serie di trattati destinati a dare un nuovo assetto geopolitico all’Europa, con conseguenze che, pochi anni dopo, alimentarono la nascita delle dittature nazifasciste fino a scatenare il Secondo conflitto mondiale.

I lavori di Parigi, ospitati nella sala dell’orologio del Quai d’Orsay (dal 1853 sede del Ministero degli Esteri francese) furono presieduti dai paesi vincitori, ossia Francia, Gran Bretagna, Italia, Stati Uniti e Giappone. A dettare legge furono i primi quattro, rappresentati in quella sede dai rispettivi capi di governo – il presidente USA Thomas Woodrow Wilson, il primo ministro francese Georges Clemenceau, l’omologo britannico David Lloyd George e il presidente del consiglio italiano Vittorio Emanuele Orlando – e dai ministri degli esteri.

Dalle trattative furono escluse: la Russia, impegnata in una sanguinosa guerra civile tra i rossi bolscevichi, che avevano preso il potere con la Rivoluzione d’Ottobre, e i bianchi “filozaristi”, sostenuti dalle potenze occidentali; i paesi vinti, coinvolti solo nella firma dei vari protocolli di pace. I destini del mondo, comunque di una larga parte di esso, erano affidati alle decisioni di Francia, Gran Bretagna, Italia e Stati Uniti.

Fin dalle prime battute, prese il sopravvento la “linea dura” dei padroni di casa, intenzionati a dare un severa lezione alla Germania e a ridimensionarne fortemente l’autorità sui popoli dell’Europa centro-orientale, riuniti per oltre mezzo secolo sotto le insegne dell’Impero austro-ungarico. Contrario a questa linea il presidente Wilson che, nei suoi celebri Quattordici punti, auspicava l’avvento di una nuova era di democrazia, imperniata sui principi dell’autodecisione dei popoli e del rispetto delle nazionalità.

Anche la Gran Bretagna si dimostrò scettica sulla linea dura, manifestando le proprie preoccupazioni nel Memorandum di Fontainbleau, dove si rimarcava la necessità di costruire «una pace perpetua, non una pace che durasse trent’anni». In tale ottica, l’adozione di misure punitive rischiava di creare le premesse per futuri rigurgiti nazionalisti alimentati dal desiderio di vendicarsi dei torti subiti.

Alla fine prevalse l’orientamento francese di attribuire ai tedeschi tutte le responsabilità della guerra appena conclusa. Conclusioni che, con il successivo Trattato di Versailles (giugno 1919), si tradussero nell’annientamento militare ed economico della Germania, costretta a subire pesanti clausole. Dall’ex Impero austro-ungarico nacquero quattro Stati indipendenti: Austria, Ungheria, Cecoslovacchia, Jugoslavia (fino al 1929 noto come Regno di Serbi, Croati, Sloveni). Le colonie, invece, furono spartite tra le potenze vincitrici attraverso un sistema di mandati regolato dalla Società delle Nazioni.

Quest’ultimo organismo, la cui istituzione (con sede a Ginevra) fu stabilita durante la Conferenza di Parigi e formalizzata con il Trattato di Versailles, si dimostrò inadatto a tenere fede al delicato compito assegnatogli, cioè di risolvere pacificamente i contrasti tra gli Stati. L’uscita di scena degli USA e la mancanza di risposte concrete contro gli Stati che contravvenivano ai suoi principi, lo fecero apparire uno mero strumento di potere nelle mani di Francia e Gran Bretagna.

Il peso politico dell’Italia a Parigi e nei successivi trattati fu marginale e le richieste avanzate, in quanto paese vincitore, furono accolte in minima parte. Dei territori della Dalmazia, rivendicati dal governo Orlando, riuscì a ottenere la città di Zara, l’isola di Làgosta e l’arcipelago di Pelagosa (Trattato di Rapallo, novembre 1920), lasciando il resto della regione al Regno dei Serbi, Croati e Sloveni.

Con il Trattato di Saint-Germain (settembre 1919), strappò all’Austria l’Alto Adige, l’Istria, l’intera Venezia Giulia, la Dalmazia settentrionale e il diritto di chiedere maggiori concessioni sul fronte coloniale.

La biografia breve è tratta dal sito: mondi.it/almanacco.

Altri accadimenti:
  • 52 a.C. – Tito Annio Milone uccide Clodio sulla Via Appia
  • 336 – Sale al soglio pontificio Papa Marco
  • 474 – Leone II diventa imperatore bizantino
  • 532 – A Costantinopoli viene stroncata nel sangue la Rivolta di Nika
  • 1126 – L’imperatore Huizong abdica al trono cinese in favore di suo figlio , l’imperatore Qinzong
  • 1486 – Il re Enrico VII d’Inghilterra sposa Elisabetta di York, figlia di Edoardo IV, unendo la Casa di Lancaster e la Casa di York.
  • 1520 – Re Cristiano II di Danimarca e Norvegia sconfigge gli svedesi sul Lago Asunde
  • 1535 – Lima, in Perù, viene fondata da Francisco Pizarro
  • 1562 – Papa Pio IV riapre il Concilio di Trento per la sua terza e ultima sessione
  • 1670 – Henry Morgan cattura Panama
  • 1701 – Federico I diventa re di Prussia
  • 1778 – James Cook è il primo europeo a scoprire le Hawaii, cui dà il nome di “Isole Sandwich”
  • 1861 – La Georgia si unisce agli Stati Confederati d’America
  • 1871 – Francia – Proclamazione di Guglielmo I a imperatore tedesco nella Sala degli specchi di Versailles. Creazione dell’Impero tedesco (nome ufficiale: Deutsches Reich, ossia Reich tedesco)
  • 1880 – Papa Leone XIII pubblica il Motu proprio Placere Nobis, sulle disposizioni per la pubblicazione delle opere di San Tommaso
  • 1886 – Il moderno hockey su prato nasce in Inghilterra con la costituzione della The Hockey Association
  • 1896 – Viene mostrata la prima macchina a raggi X
  • 1911 – Eugene B. Ely atterra sul ponte della USS Pennsylvania (ACR-4) ancorata nel porto di San Francisco, è la prima volta che un aereo atterra su una nave
  • 1915 – Prima guerra mondiale: in Africa Orientale tedesca si svolge il cruento scontro di Jassin in cui i britannici vengono pesantemente sconfitti dai tedeschi guidati dal generale Alexander von Hammerstein
  • 1919
    Prima guerra mondiale: inizia la Conferenza di pace a Versailles.
    Viene fondato a Roma il Partito Popolare Italiano da Don Luigi Sturzo
    Viene fondata la Bentley Motors
  • 1939 – Louis Armstrong registra Jeepers Creepers
  • 1943 – Seconda guerra mondiale: prima rivolta degli ebrei rinchiusi nel Ghetto di Varsavia
  • 1944
    Seconda guerra mondiale: i sovietici annunciano di aver rotto l’Assedio tedesco a Leningrado.
    La Metropolitan Opera House di New York ospita per la prima volta un concerto jazz; si esibiscono Louis Armstrong, Benny Goodman, Lionel Hampton, Artie Shaw, Roy Eldridge e Jack Teagarden
  • 1956 – Nella Repubblica Democratica Tedesca, il parlamento (Volkskammer) decide la creazione della Nationalen Volksarmee (NVA)v
  • 1964 – I Beatles appaiono sulla classifica di Billboard per la prima volta
  • 1967 – Albert DeSalvo, lo strangolatore di Boston, viene giudicato per numerosi crimini e condannato all’ergastolo
  • 1977 – Gli scienziati individuano un batterio sconosciuto, come causa del misterioso Morbo del Legionariov
  • 1978 – La Corte europea dei diritti umani giudica il governo britannico colpevole di maltrattamento di prigionieri nordirlandesi, ma non colpevole di torture
  • 1983 – Il Comitato Olimpico Internazionale restituisce le medaglie olimpiche di Jim Thorpe ai suoi familiari
  • 1993 – Per la prima volta il Martin Luther King Day viene osservato ufficialmente in tutti e 50 gli Stati degli USA
  • 1995 – A Vallon-Pont-d’Arc, in Francia, in una rete di grotte vengono scoperti dipinti e graffiti vecchi di 17-20.000 anni
  • 1997 – Il norvegese Boerge Ousland diventa la prima persona ad attraversare l’Antartico da solo e senza aiuto
  • 1999 – Dopo 191 giorni finisce il lockout dei presidenti delle franchigie NBA e si inizia la stagione 1998-1999, vinta poi dai San Antonio Spurs
  • 2005 – Francia: a Tolosa, l’Airbus presenta il Jumbo Jet europeo: l’Airbus A380
  • 2008 – Il Cratere di Eufronio viene messo in mostra a Roma dopo che è stato restituito all’Italia dal MOMA
  • 2021 – Un forte terremoto di magnitudo 6,4 colpisce l’Argentina ed il Perù con epicentro nella zona di San Juan.

La lista completa degli accadimenti di oggi puoi consultarla su Wikipedia.

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Vuoi sapere meglio le cose? Vai agli APPROFONDIMENTI →