Partorisce sulla pista da ballo di una discoteca

Partorisce a 19 anni sulla pista da ballo, la discoteca regala al figlio l’ingresso gratis a vita

Partorisce sulla pista da ballo
Partorisce sulla pista da ballo di una discoteca. Una notte da ricordare per la 19enne francese che ha partorito nel mezzo di una pista da ballo di una discoteca in Francia. La 19enne, la cui identità è ancora ignota, ha ballato tranquillamente fino alle 5.30 di del mattino quando imporvvisamente è iniziato il travaglio. È successo nell’O’Club di Tolosa, città francese dell’Occitania. Secondo i media locali sarebbe stato lo staff del club ad improvvisarsi ostetriche per aiutare la donna a partorire. Per celebrare il momento decisamente inusuale, la proprietaria del locale ha annunciato che avrebbe concesso al nascituro un biglietto di ingresso gratutito al club valido per tutta la vita.

Marie-Helene, manager dell’O’Club ha dichiarato che era orario di chiusura, quando un buttafuori è andato a chiamarla sostenendo fosse una questione urgente. “È stato allora che l’ho vista partorire“. Proprio il buttafuori è stato uno dei primi ad accorgersi che la donna stava partorendo perché l’aveva vista accasciarsi tra i clienti del club. lo staff poi ha chiamato un’ambulanza. “Abbiamo dovuto reagire in fretta. Un nostro dipendente era a telefono con il centro di emergenza e ci ha detto quello che dovevamo fare” spiega Marie-Helene.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

Secondo le prime ricostruzioni, la ragazza si era recata nel club per “cambiare aria, a causa di problemi personali“. Era stata invitata da un’amica e a quanto si apprende, non avrebbe consumato alcolici. Il neonato è nato proprio sulla pista da ballo circondato da persone che si stavano tranquillamente godendo la serata. Sia la madre che il bambino godono di buona salute. Non è ancora chiaro, però se sia un maschio o una femmina. Di sicuro ha un destino assicurato come dj.

Fonte: ilmessaggero.it

Vuoi sapere meglio le cose? Vai agli APPROFONDIMENTI →

STAI ANCORA UN PO' CON NOI! LEGGI ANCHE QUI: