“Battiti binaurali”, suoni presenti su YouTube e Spotify che danno gli stessi effetti psichedelici degli allucinogeni

Da ascoltare in cuffie: in ogni orecchio viene trasmesso un tono diverso, e questo sfasamento provoca effetti che permettono di accedere a spazi mentali creativi

Battiti binaurali, suoni presenti su YouTube e Spotify che danno gli stessi effetti psichedelici degli allucinogeni
“Battiti binaurali”, suoni presenti su YouTube e Spotify che danno gli stessi effetti psichedelici degli allucinogeni. Ian Griffiths, un custode di scuola di 36 anni del Massachusetts (Stati Uniti), ha raccontato di aver iniziato ad avvicinarsi alla spiritualità quando suo padre ha avuto un’esperienza di pre-morte. Da allora, per raggiungere uno stato alterato di coscienza superiore ed esplorare il mondo spirituale, ha iniziato a meditare e si è rivolto a YouTube e Spotify per ascoltare i “battiti binaurali” (un termine usato per descrivere le illusioni uditive che si verificano quando ascoltiamo 2 diversi toni in ogni orecchio).

Griffiths, intervistato da The Daily Beast, ha detto: “Credo che tu possa raggiungere un’alta coscienza che sembra qualcosa di correlato alla droga. […] 1.000 per 100. Con la pratica continua. […] Quando ascolti i battiti binaurali, puoi immediatamente sentirlo. […] Questo è il potere del suono da solo. Devi essere nel giusto stato d’animo per credere che questa roba faccia effettivamente il suo lavoro, ma credo che assomigli ai farmaci“.

Anche se Griffiths è sobrio da 14 anni, in passato ha usato funghi psichedelici ed è convinto che i “battiti binaurali” siano una forma simile di sballo naturale. Anche altri utenti di “battiti binaurali” hanno paragonato l’esperienza al microdosaggio sui funghi, anche se non è lo stesso tipo di sballo da funghi. Piuttosto, è controllato e fantasioso e può permetterti di accedere a spazi mentali creativi di cui non sei facilmente a conoscenza nella vita di tutti i giorni.

Lo studio

Una ricerca condotta dalla RMIT University australiana ha rilevato che il 12% degli intervistati utilizza “battiti binaurali” come farebbe con droghe psichedeliche (in combinazione con altre droghe o al loro posto), il 35% per cambiare il proprio umore e il 72% per rilassarsi o addormentarsi. Le persone che usano i “ritmi binaurali” per sballarsi spesso sono già esperte di sostanze psichedeliche o le hanno già provato. Tendono, inoltre, ad essere più giovani: l’interesse ha raggiunto il picco tra i 16 ei 20 anni, e poi di nuovo a 45 anni.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

Non possiamo, per esempio, dire che i battiti binaurali in realtà [ti facciano sballare]. Non lo sappiamo“, ha detto Alessia Maddox (sociologa della tecnologia alla Deakin University in Australia e una delle autrici principali di questo articolo). “Quello che sappiamo è che le persone lo usano per alterare i loro stati e per connettersi con loro stessi, e anche per connettersi con una forza superiore o simili in quello spazio più spirituale. Quindi è piuttosto interessante“.

Il suo studio, che ha raccolto le risposte di oltre 30.000 persone in 22 paesi diversi, è stato pubblicato il mese scorso su “Drug and Alcohol Review“. La comunità scientifica, però, non ha ancora stabilito se i “battiti binaurali” possano effettivamente farti sballare come le sostanze psichedeliche, o se sia solo una questione di placebo. Nonostante ciò, gli studiosi ritengono che questo fenomeno abbia la capacità di cambiare radicalmente la nostra comprensione di cosa siano le droghe.

Video

Vuoi sapere meglio le cose? Vai agli APPROFONDIMENTI →

STAI ANCORA UN PO' CON NOI! LEGGI ANCHE QUI: