Incidente di Pascagoula

Nei pressi di Pascagoula (Stati Uniti) si sarebbe verificato un presunto rapimento alieno che ha coinvolto Charles Hickson e Calvin Parker

Incidente di Pascagoula

Incidente di Pascagoula. Nel 1973, nei pressi di Pascagoula, negli Stati Uniti, si sarebbe verificato un presunto rapimento alieno che ha coinvolto Charles Hickson e Calvin Parker. Questo caso ha ricevuto ampia copertura mediatica ed è diventato uno dei casi più famosi di presunti rapimenti alieni, insieme a casi come quelli dei coniugi Hill, di Herbert Schirmer e di Travis Walton.

Gli eventi

Nella serata del 11 ottobre 1973, Charles Hickson e Calvin Parker, due operai di un cantiere navale, stavano pescando lungo il fiume Mississippi, vicino a Pascagoula. Improvvisamente, udirono un suono simile a un ronzio o un sibilo e videro due luci blu lampeggianti. Poco dopo, notarono un’astronave a forma di sigaro, alta fra i 9 e i 12 metri, con una cupola, che sembrava levitare a circa 60 centimetri dal suolo.

Secondo il loro racconto, dall’astronave emerse una porta e tre creature le cui caratteristiche erano simili a quelle umanoidi li afferrarono, facendoli levitare con loro all’interno del veicolo. Entrambi rimasero paralizzati e confusi, con Parker che disse di essere svenuto per lo spavento. Le creature, alte circa 1,50 metri, avevano la pelle grinzosa e chiara, senza occhi visibili, ma con tre protuberanze dove si trovano comunemente il naso e le orecchie negli esseri umani. Le loro mani erano simili a chele e le gambe sembravano fuse in una sola. Il loro movimento appariva meccanico, quasi robotico.

All’interno dell’astronave, i due uomini fluttuavano sopra il pavimento. Hickson raccontò di essere stato esaminato da un dispositivo simile a un occhio meccanico, che sembrava fare una scansione del suo corpo. Parker, invece, non ricordò cosa fosse successo durante il tempo trascorso all’interno dell’astronave, sebbene successivamente, sotto ipnosi regressiva, raccontò alcuni dettagli confusi.

Dopo circa 20 minuti, le creature li rilasciarono sulla riva del fiume, nella stessa posizione in cui li avevano prelevati, e i due uomini ripresero conoscenza.

Contatto con la polizia

Dopo un incontro con entrambi gli uomini, entrambi raccontarono di essere stati spaventati dall’esperienza. Si erano allontanati in macchina per circa 45 minuti, cercando di calmarsi; Hickson ammise di aver bevuto whiskey durante il tragitto. Successivamente, decisero di condividere la loro storia con gli ufficiali della base aerea di Keesler, ma vennero informati che l’USAF non si occupava più dei rapporti sugli UFO (il Progetto Blue Book era stato sospeso circa quattro anni prima) e furono indirizzati alla polizia.

Intorno alle 22.30, Hickson e Parker si recarono presso l’ufficio dello sceriffo della contea di Jackson, Mississippi. Portarono con loro il pesce gatto che avevano catturato durante la pesca, considerandolo l’unica prova della loro storia. Lo sceriffo Fred Diamond successivamente testimoniò che entrambi sembravano sinceri e visibilmente spaventati, specialmente Parker, che sembrava particolarmente turbato. Tuttavia, Diamond nutrì alcuni dubbi sulla straordinaria narrazione, soprattutto dopo che Hickson ammise di aver bevuto whiskey.

Dopo aver ascoltato attentamente il resoconto di Hickson e Parker e aver posto loro diverse domande, lo sceriffo Diamond li lasciò soli in una stanza, ma prima di uscire avviò segretamente un registratore per registrare la loro conversazione privata, nel timore che potessero rivelare qualcosa di rilevante. Nonostante il loro stato di stress, i due uomini continuarono a parlare tra loro, con Parker che esprimeva ripetutamente il desiderio di essere visitato da un medico.

Di fronte allo scetticismo della polizia sulla loro storia, Hickson e Parker decisero di chiedere di sottoporsi al test del poligrafo per dimostrare la loro sincerità.

Pubblicità successiva

Dopo l’incontro con l’UFO, Hickson e Parker tornarono al lavoro il giorno successivo, mantenendo inizialmente il silenzio sull’evento. Tuttavia, il loro atteggiamento nervoso non passò inosservato ai colleghi. Lo sceriffo Diamond li contattò telefonicamente durante l’orario di lavoro, informandoli che alcuni giornalisti erano alla ricerca di notizie sull’UFO. Hickson si arrabbiò con lo sceriffo, accusandolo di violare la promessa di riservatezza, ma Diamond ribatté che il caso era troppo sensazionale per rimanere segreto.

Dopo aver sentito la storia di Hickson, il caposquadra e il proprietario del cantiere, Johnny Walker, suggerirono loro di contattare un procuratore legale locale, Joe Colingo, che era consulente del cantiere. Colingo incontrò Hickson e Parker e li accompagnò all’ospedale per sottoporsi a un test sulle radiazioni. Successivamente, furono esaminati da medici presso la base aerea di Keesler. Colingo offrì i suoi servizi legali, ma Hickson rifiutò, sospettando che Colingo potesse cercare di sfruttare il loro caso a fini finanziari.

Poco dopo, Pascagoula divenne il centro dell’attenzione mediatica internazionale. Il dottor Josef Allen Hynek, consulente del Progetto Blue Book, e il professor James A. Harder, dell’Università di Berkeley, arrivarono in città per intervistare Hickson e Parker. Harder tentò di ipnotizzarli, ma senza successo a causa del loro stato emotivo. Hynek si astenne dal dare un giudizio definitivo sul caso, ma notò che Hickson e Parker sembravano persone oneste e sinceramente turbate dall’esperienza.

Stanchi dell’attenzione mediatica, Hickson e Parker si recarono nella contea di Jones, Mississippi, sperando di trovare conforto presso i familiari. Parker fu ricoverato in ospedale per un “collasso emozionale“.

In un’intervista successiva, Hickson descrisse l’incontro con l’UFO come l’esperienza più terribile della sua vita, nonostante le sue esperienze durante la guerra di Corea. Riteneva di aver superato il trauma meglio di Parker, il quale non aveva mai affrontato situazioni così spaventose.

Poligrafo

Hickson e Parker avevano accettato di sottoporsi al test del poligrafo per confermare la veridicità della loro storia. Tuttavia, solo Hickson si sottopose all’esame, il quale concluse che credeva sinceramente alla narrazione del rapimento alieno.

Philip J. Klass, un giornalista e scettico riguardo agli UFO, ha commentato che il test del poligrafo fu condotto da un operatore giovane, appena uscito dalla scuola e privo di esperienza professionale e certificazioni. Inoltre, Hickson e Parker, tramite il loro avvocato, rifiutarono di essere esaminati dal capitano Charles Wimberly, un esperto operatore di poligrafo presso la Squadra Mobile di Polizia locale. Piuttosto, fecero venire da New Orleans, a oltre 100 miglia di distanza, un operatore giovane e inesperto, il quale casualmente lavorava per un amico del loro legale.

Pubblicità successiva

Hickson e Parker ritornarono al lavoro il giorno dopo l’incontro. Essi inizialmente non dissero nulla del loro presunto incontro ravvicinato con un UFO avvenuto la sera prima, ma i compagni di lavoro notarono che Parker era ansioso e preoccupato. Durante l’orario di lavoro, lo sceriffo Diamond telefonò ai due uomini, dicendo che alcuni giornalisti erano arrivati nel suo ufficio chiedendo informazioni sull’UFO. Hickson si arrabbiò e accusò Diamond di avere violato la sua promessa di riservatezza, ma lo sceriffo rispose che non era così e che il caso era troppo sensazionale per tenerlo riservato.

Il caposquadra di Hickson sentì la conversazione da parte dell’operaio e gli chiese cosa era successo. Hickson raccontò la sua storia al caposquadra e al proprietario del cantiere, Johnny Walker. Dopo avere sentito il racconto, Walker suggerì ad Hickson e Parker di contattare Joe Colingo, un locale procuratore legale, che era cognato di Walker e consulente del cantiere. Colingo incontrò i due uomini e durante la loro conversazione Hickson gli espresse la sua paura di essere stato esposto a radiazioni. Colingo e l’investigatore Tom Huntley portarono Hickson e Parker all’ospedale locale per fare un test sulle radiazioni (il libro di Jerome Clark che racconta la storia non specifica se Huntley fosse un investigatore della polizia o privato). Usciti dall’ospedale, i due uomini andarono nella base aerea di Keesler, dove furono esaminati accuratamente da diversi medici. Dopo ciò, come riferì Huntley, Hickson e Parker furono interrogati dal capo del servizio di informazioni militari della base, mentre l’intero comando della base assisteva alle procedure.

Colingo richiese un contratto per rappresentare Hickson e Parker, ma non si fece nulla, perché Hickson non volle più avere nulla a che fare con Colingo, ritenendo che il procuratore legale avesse solo l’obiettivo di sfruttare il loro caso per fare buoni guadagni dal punto di vista finanziario.

Dopo pochi giorni, Pascagoula era al centro dei racconti della stampa internazionale, con i giornalisti che affollavano la città. Il dottor Josef Allen Hynek, consulente del Progetto Blue Book, e il professor James A. Harder, docente di ingegneria all’Università di Berkeley e membro dell’APRO, arrivarono in città per intervistare Hickson e Parker. Harder cercò di ipnotizzare i due uomini, ma essi erano troppo ansiosi e distratti per seguire correttamente la procedura di lavoro, specialmente Parker. Hynek rifiutò di dare un giudizio definitivo sul caso, ma dichiarò che a suo avviso Hickson e Parker erano persone oneste che sembravano sinceramente stressate da ciò che gli era capitato.

Stanchi per la pubblicità, Hickson e Parker andarono nella contea di Jones, Mississippi (a circa 150 miglia a nord di Pascagoula), dove speravano di trovare sollievo con i membri delle loro famiglie. Parker fu anche ricoverato in ospedale per quello che Jerome Clark definisce “un collasso emozionale“.

In un’intervista rilasciata parecchi anni dopo gli eventi, Hickson disse che l’incontro con l’UFO era stata l’esperienza più terribile della sua vita, nonostante avesse combattuto durante la guerra di Corea, in cui aveva affrontato situazioni pericolose; per questo motivo egli pensava di essere riuscito a superare il trauma del rapimento alieno meglio del giovane Parker, che invece non aveva avuto occasione in vita sua di affrontare situazioni terrificanti.

Obiezioni degli scettici

Un’indagine condotta successivamente da Joe Esterhas ha portato alla luce ulteriori informazioni che hanno alimentato lo scetticismo riguardo al presunto rapimento. Il luogo in cui si ipotizza sia avvenuto l’atterraggio dell’UFO e il conseguente rapimento era chiaramente visibile da due caselli del dazio che erano presidiati 24 ore su 24, e nessun operatore ha segnalato alcunché quella sera. Inoltre, il luogo era anche entro il campo visivo delle telecamere di sicurezza del vicino cantiere navale Shipyard, ma quelle telecamere non hanno registrato nulla di insolito quella notte.

Argomenti a favore

Nel 2001, l’ufficiale navale in pensione Mike Cataldo raccontò di aver avvistato un veicolo insolito al crepuscolo dello stesso giorno. Viaggiando lungo la U.S. Route 90 da Pascagoula a Ocean Springs insieme ai suoi compagni di squadra Ted Peralta e Mack Hanna, Cataldo vide un oggetto simile a un grande tamburo con piccole luci lampeggianti avvicinarsi da nord-ovest e attraversare l’autostrada prima di sollevarsi sull’orizzonte e scomparire. Quando Cataldo si avvicinò alla sua casa a St. Andrews, Ocean Springs, il veicolo riapparve per una seconda volta a un’altitudine più bassa.

Conclusione

Dopo l’evento, Parker ha evitato completamente l’attenzione pubblica per lungo tempo. In un’intervista rilasciata dopo 20 anni dall’accaduto, ha aggiunto nuovi dettagli alla sua storia. Ha raccontato di essere svenuto alla vista delle creature, ma di essere stato cosciente quando è stato portato all’interno dell’UFO e condotto in una stanza situata all’altra estremità di un corridoio posto a sinistra dell’entrata. Qui, è stato steso su un tavolo inclinato ed esaminato da un altro piccolo essere, apparentemente di sesso femminile, che gli ha inserito un ago alla base del pene. L’essere ha comunicato con lui telepaticamente, suggerendo che era stato preso per una ragione precisa. Nonostante avesse provato la sensazione di un imminente pericolo, Parker è stato poi riportato fuori dall’UFO e depositato incolume sulla riva del fiume nella sua posizione originaria. Diciannove anni dopo, Parker afferma di essere entrato nuovamente in contatto con lo stesso UFO. Questa volta, è salito volontariamente a bordo e ha incontrato lo stesso essere femminile che aveva esaminato il suo corpo nel 1973. Ha avuto con lei una conversazione in inglese durante la quale l’essere gli ha trasmesso un messaggio religioso, dicendo che condividevano lo stesso Dio e che la Bibbia era autentica. Gli ha anche detto che la sua specie avrebbe voluto vivere sulla Terra, ma non poteva farlo a causa della tendenza dell’umanità verso la guerra e la distruzione.

Hickson, invece, è apparso in un programma televisivo nel 1974 e ha occasionalmente parlato in alcune conferenze sugli UFO. Successivamente ha scritto un libro sulla sua esperienza insieme a William Mendez, intitolato “UFO Contact at Pascagoula“, pubblicato nel 1983 e ristampato nel 1987.

Nel 1976, la RAI ha prodotto e trasmesso “Extra“, un film TV in due parti ispirato direttamente agli eventi di Pascagoula.

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Vuoi sapere meglio le cose? Vai agli APPROFONDIMENTI →