Lina Medina Vasquez, la mamma più giovane del mondo che partorì a 5 anni

L’incredibile storia di Lina Medina Vasquez, la mamma più giovane del mondo che diete alla luce un bimbo a 5 anni

Lina Medina Vasquez, la mamma più giovane del mondo che partorì a 5 anni
Lina Medina Vasquez, la mamma più giovane del mondo. Aveva 5 anni nel 1939 e viveva a Paurange, un remoto villaggio del Perù, nel distretto di Ticrapo, lontano da cliniche e ospedali. La piccola aveva l’addome estremamente dilatato e i genitori chiesero l’intervento dello sciamano del villaggio per farla guarire, senza successo. La madre temeva che la figlia avesse un tumore addominale e decise così di portarla all’ospedale di Pisco, per farla visitare da un vero medico. La diagnosi fu uno choc, anche per i dottori: Lina non era malata, ma era incinta di 7 mesi. Fu trasferita all’ospedale di Lima, dove rimase ricoverata per un mese e mezzo. Il 14 maggio 1939, all’età di 5 anni, 7 mesi e 21 giorni, diede alla luce il suo primo figlio, un maschio di 2,7 chili che fu chiamato Gerardo Alejandro, in onore dei 2 medici che avevano seguito la piccola (Gerardo Lozada e Alejandro Busalleu) e che presero a cuore la sua storia. Il bambino nacque con parto cesareo, imposto dall’età e dall’esilità del bacino.

Il caso di pubertà precoce estrema

Oggi Lina, che ha vissuto per anni in un quartiere povero di Lima compie 84 anni . Mai nella sua vita ha voluto rivelare chi fosse il padre del bambino. Il caso di pubertà precoce estrema fu ampiamente studiato e come si evince dai rapporti medici dell’epoca, pubblicati dal ricercatore Edmundo Escumel sulla rivista “La Presse Medicale“, la bambina ebbe uno sviluppo molto precoce: il primo ciclo mestruale lo ebbe solo a 8 mesi, anche se altri rapporti medici lo datarono a 2 anni e mezzo. In ogni caso a 4 anni era già nel pieno della pubertà, con il seno già sviluppato. Escumel spiegò nella sua relazione che la prematura comparsa del menarca era attribuibile a un disturbo ormonale straordinario di origine pituitaria.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

Il mistero sull’identità del padre

La vicenda provocò molto scalpore e il padre della bambina fu arrestato con l’accusa di violenza sessuale. L’uomo fu poi scagionato per insufficienza di prove. Caddero sospetti anche sul fratello maggiore di Lina, che soffriva di disturbi mentali, ma non si scoprì mai l’identità di chi aveva messo incinta Lina. Secondo alcuni studiosi in molti villaggi remoti del Perù era consuetudine celebrare feste pagane che talvolta si concludevano con rapporti sessuali di gruppo, che coinvolgevano anche bambini. Potrebbe essere questa la spiegazione della gravidanza di Lina, che forse neppure sapeva chi fosse il padre del bambino.

I dubbi

Molti giornali all’epoca insinuarono che la notizia del parto precoce fosse un falso, ma la documentazione medica come le radiografie che evidenziano le ossa di un feto nel corpo della bambina e l’immagine in cui Lina è ritratta di profilo con il pancione sono state considerate prove dell’autenticità del caso. Inoltre 6 mesi dopo la nascita del bambino il New York Times riferì che un funzionario americano per la salute pubblica aveva verificato l’autenticità della storia. Infine la famiglia non speculò mai sulla vicenda: nonostante le molte richieste di interviste e l’offerta di denaro, i genitori di Lina rifiutarono sempre per proteggere la piccola.

La vita

Gerardo era convinto che Lina fosse sua sorella e sembra che scoprì dai compagni di scuola, all’età di 10 anni, che in realtà era sua madre. Morì giovane, a 40 anni, per una malattia legata al midollo osseo. Intanto Lina da grande lavorò come segretaria nella clinica di Gerardo Lozada, che la seguì durante il parto. Il chirurgo assicurò a lei e a suo figlio la possibilità di andare scuola. Nel 1970 Lina si sposò e nel 1972 ebbe un secondo figlio. Non ha mai voluto parlare con i giornalisti e nel 2002 rifiutò un’intervista alla Reuters. A lei è dedicata una statua al Museo delle Cere di New York.

Pubertà precoce

A oggi Lina è la più giovane madre accertata al mondo e la sua storia è straordinaria. La pubertà precoce, per cui si intende lo sviluppo puberale prima degli 8 anni, riguarda un bambino ogni 10mila, con un’incidenza di 10 a 1 per le femmine rispetto ai maschi.

Fonte: corriere.it

Vuoi sapere meglio le cose? Vai agli APPROFONDIMENTI →

STAI ANCORA UN PO' CON NOI! LEGGI ANCHE QUI: