Epatite E che colpisce i topi: il virus che sta facendo il salto di specie

Un altro virus sta facendo il “salto di specie” a Hong Kong: quello dell’epatite E che colpisce i topi

Epatite E che colpisce i topi: il virus che sta facendo il salto di specie
Epatite E che colpisce i topi. Mentre il mondo è impegnato a combattere la pandemia del nuovo Coronavirus, a preoccupare è anche un altro virus che ha fatto di recente il salto di specie verso l’uomo. Si tratta di un tipo di epatite che si pensava infettasse solo i topi.
La novità arriva da Hong Kong, dove dopo il primo caso scoperto nel 2018 ne sono stati registrati altri 10, l’ultimo una settimana fa.

Improvvisamente ci siamo trovati di fronte un virus che passa dai topi all’uomo“, ha detto Siddharth Sridhar, il microbiologo che ha effettuato la scoperta. “Il problema”, ha spiegato l’esperto, “è che non si riesce a risalire all’origine del contagio, come abbia fatto il virus a passare all’uomo“.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il virus dell’epatite E si trasmette solitamente tramite acqua contaminata. Ma finora non sono state trovate tracce di come abbia potuto infettare i pazienti, in particolare l’ultimo caso: nessun viaggio recente, nessun contatto con topi o fonti di acqua possibilmente infette. Dato che si tratta di un virus poco conosciuto, i contagi potrebbero essere avvenuti anche molto prima della scoperta: non si conosce come si comporta e i suoi tempi di incubazione.

Sridhar ha spiegato che l’unica cosa che si sa attualmente è che “i topi di Hong Kong sono portatori del virus, e che lo stesso germe patogeno passa all’uomo. Ma come arrivi a infettare gli esseri umani, attraverso cibo contaminato o un altro animale che fa da anello di congiunzione, non lo sappiamo, è questo l’anello mancante“.

Fonte: ilmessaggero.it

Vuoi sapere meglio le cose? Vai agli APPROFONDIMENTI →

STAI ANCORA UN PO' CON NOI! LEGGI ANCHE QUI: