Le uova più grandi ritrovate sono quelle dell’Aepyornis, l’uccello elefante

Le più grandi uova ritrovate, appartengono a un animale estinto che abitava in Madagascar, L’aepyornis, il cosidetto “uccello elefante”

uccello elefante
Le più grandi uova ritrovate sono quelle dell’Aepyornis, l’uccello elefante. Le uova più grandi mai ritrovate sono quelle dell’Aepyornis, detto anche uccello elefante, una specie estinta che viveva in Madagascar. La circonferenza delle uova superava il metro, e la loro lunghezza era di circa 35 cm.

Gli Aepyornis sono ritenuti gli uccelli più grandi mai esistiti, insieme ai Moa. Il volume delle loro uova è pari a circa 150 uova di gallina.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

L’espressione “uccello elefante” deriva da un aneddoto raccontato da Marco Polo in un passo del suo Milione, in cui vengono paragonati ai mitologici grifoni ma, anziché mezzo uccello e mezzo leone, somigliano piuttosto agli elefanti, avendo ali “che coprono 20 passi” e penne “lunghe 12 passi“.

L’estinzione di queste gigantesche creature, che possiamo immaginare simili agli struzzi e inadatte al volo proprio a causa della loro stazza, è dovuta a fattori umani: tra le varie concause probabilmente ha contribuito la caccia, così come le malattie introdotte da altri uccelli come i polli e le faraone, e i cambiamenti climatici.

Il DNA degli Aepyornis è stato ricavato, grazie a un gruppo di ricercatori australiani, dai resti dei gusci delle loro uova. Non è stato però ancora sequenziato e analizzato, per cui relativamente alle loro caratteristiche si continua a procedere per ipotesi.

Fonte: everyeye.it

Vuoi sapere meglio le cose? Vai agli APPROFONDIMENTI →

STAI ANCORA UN PO' CON NOI! LEGGI ANCHE QUI: