Tutti gli insulti rivolti al Ministro dell’Interno Matteo Salvini

C’è ogni genere di insulto rivolto a Matteo Salvini: “Assassino”, “Ministro della malavita”, “mostro”, “Hitler” e chi gli “augura il peggio”

Matteo Salvini
Il quotidiano IlTempo ha raccolto tutti gli insulti rivolti al Ministro dell’Interno Matteo Salvini. C’è di tutto: “Assassino“, “Ministro della malavita“, “mostro“, “Hitler” e chi gli “augura il peggio“.

Elenco degli insulti rivolti a Matteo Salvini:

25 agosto
  • Nota dell’Anm: “La Procura di Agrigento sta svolgendo gli accertamenti necessari a verificare se nella vicenda della nave Diciotti siano stati commessi reati. Parlando della vicenda, il Ministro dell’Interno ha rilasciato dichiarazioni tendenti ad orientare lo sviluppo degli accertamenti. Si tratta di una interferenza nelle prerogative dell’Autorità Giudiziaria; nessun altro soggetto può sostituirsi ai magistrati”.
  • Guglielmo Allodi (ex esponente Pd): “Se la vicenda dei migranti continua ad essere in mano a Salvini è giunto il momento di pensare alla lotta di popolo armato”.
  • Emanuele Fiano, deputato del Pd: “Salvini avevi assicurato che con te tutto cambiava. Purtroppo anche la tragica vicenda di Jesolo dimostra che facevi solo propaganda: spiagge sicure è solo un bluff”.
  • Laura Boldrini: “Anche i dittatori sono popolari. Il fatto che Salvini abbia seguito non implica che stia facendo la cosa giusta”.
  • Laura Boldrini: “Qui ci sono 195 ostaggi: 150 naufraghi e 45 uomini dell’equipaggio che attendono di essere liberati mentre il ministro Salvini chiede un riscatto all’Europa. Ma tutto questo a Bruxelles genera irritazione perché ricattare non è un metodo accettabile per uno Stato democratico”.
24 agosto
  • Pietro Grasso: “Salvini libera gli ostaggi ed esci dal Viminale: solo i criminali e i terroristi sequestrano esseri umani e li trattengono fino a che non vengono accolte le proprie condizioni. L’Italia è uno Stato di diritto, non questo schifo”.
  • Emma Bonino: “La vita altrui non vale più niente. Non c’è più politica ma solo le dichiarazioni di Salvini, da bullo di periferia, non certo da ministro”.
  • Marco Travaglio: “Levare al più presto l’Italia dalla parte del torto in cui Salvini l’ha cacciata”.
  • Oscar Camps (direttore di Open Arms): “Salvini è il buffone dell’estrema destra italiana, perchè utilizza un discorso molto fazioso e populista, al fine di rendere forte il suo partito”.
23 agosto
  • Mauro Casciari (attore): “Hanno testato il vaccino sui topi, sulle scimmie, ora proveranno con Matteo Salvini e poi con l’uomo”.
  • Gianfranco Miccichè: “Stai facendo soffrire 150 persone per prendere 100 voti in più. Salvini, fattene una ragione, non sei razzista: sei solo stronzo”.
  • Roberto Saviano: “L’atteggiamento di Salvini è eversivo”.
  • Carla Nespolo (presidente dell’Anpi): “A Catania si sta consumando l’ennesimo attacco alla Costituzione. È ora che si ponga un freno definitivo a questa suddivisione delle persone in scompartimenti razziali e al quotidiano gioco al massacro dei diritti umani posti in essere dal Ministro dell’Interno”.
  • Marco Minniti: “Salvini rompe qualsiasi codice repubblicano”.
20 agosto
  • Frankie hi-nrg (rapper): “Mi fa ribrezzo che ci sia un ministro che si presta, che ci sia una ragazza che chiede il selfie, che ci sia una folla sorridente e plaudente. Fare il selfie a un funerale non è una cosa bella, applaudire e fischiare la gente al funerale non è una cosa bella, quando succede è una espressione di miseria”.
19 agosto
  • Pippo Civati: “La minaccia di Salvini è un ricatto criminale. Rispedire in Libia i migranti, ora a bordo della Diciotti, sarebbe l’atto peggiore di un governo che ha già calpestato i diritti umani”.
  • Antonello Ciavarelli (delegato Cocer della Guardia Costiera italiana): “È incomprensibile. Anche imbarazzante. La nave Diciotti è una nave militare dello Stato italiano e le viene impedito di ormeggiare in un porto italiano!”.
17 agosto
  • Orlando Amodeo (ex dirigente medico della Polizia di Stato): “Salvini specula da criminale sulla tragedia, costruisce la sua fortuna sulla morte”.
3 agosto
  • Luigi de Magistris: “Da quando si è insediato il governo con Salvini vicepremier e ministro dell’Interno, gli episodi di violenza di matrice razzista e fascista sono enormemente aumentati. Salvini è diventato il ministro dell’insicurezza nazionale”.
  • Don Biancalani: “Nel paese c’è un clima di intolleranza che trova un appoggio nella politica e in particolare nel linguaggio del ministro dell’Interno, Matteo Salvini”.
31 luglio
  • Piero Pelù: “I temi dello sfruttamento del lavoro, l’abbandono dei campi e della migrazione sono sempre più attuali e andranno affrontati con maturità e rispetto dei diritti umani, alla faccia dei neonazisti come Salvini”.
  • Laura Boldrini: “Salvini è il professore della paura”.
  • Mario Calabresi (direttore de La Repubblica): “Salvini non ha il diritto invece di dividere il Paese, di flirtare con i violenti, di irridere i deboli, di stuzzicare e avallare razzisti, neofascisti e naziskin scandendo i loro slogan, indossando le loro magliette”.
30 luglio
  • Alessandro Huber (segretario del Pd in Alto Adige): “Sì, è ora di dirlo. Ogni aggressione è da lui legittimata con il suo sproloquio fascista e la sua incitazione all’odio. Se ne prenda la responsabilità, da mussoliniano dovrebbe imparare dal maestro: si finisce a testa in giù poi però”.
29 luglio
  • Corradino Mineo: “Mi creda, lei non ha la stoffa del Duce, né la prestanza, né l’efficacia oratoria. Ella è un italiano piccolo piccolo che usa il razzismo per coprire la povertà della proposta. Un collaborazionista (padano?) che si aggrappa a un rinascente fascismo tedesco”.
27 luglio
  • Consiglio comunale di Maiorca: “Salvini: persona non gradita”.
26 luglio
  • Famiglia cristiana: “Vade retro Salvini”.
23 luglio
  • Nicola Fratoianni (deputato di LeU): “Io vedo solo un ministro che trascina sempre più il suo Paese nella vergogna, calpestandone l’onore, e la credibilità, rinnegando il fatto che in passato ci siamo distinti proprio nell’accoglienza”.
20 luglio
  • Asia Argento: “Salvini merda”.
18 luglio
  • Anna Caputo (presidente di Arci Lecce): “Anche la merda ha più valore di lui”.
17 luglio
  • Roberto Saviano: “Ministro della Mala Vita, sui morti in mare parla di bugie e insulti, ma con quale coraggio? Confessi piuttosto: quanto piacere le dà la morte inflitta dalla guardia costiera libica, sua (mi fa ribrezzo dire nostra) alleata strategica? Lei che sottolinea continuamente di essere padre, da papà quanta eccitazione prova a vedere morire bimbi innocenti in mare?”.
13 luglio
  • Francesco Merlo: “Salvini è razzista sin da quando era bambino”.
  • Giampaolo Pansa: “Salvini è muscolare, è accentratore, è fascista nei modi, nelle cose, è uno cui si legge in volto la prepotenza”.
10 luglio
  • Giuliano Ferrara: “Un tizio che nega l’attracco alla Guardia Costiera è solo uno scemo”.
  • Gino Strada: “Un buffoncello che si permette di fare illazioni morali sul nostro lavoro”.
8 luglio
  • Andrea Camilleri: “Non voglio fare paragoni ma intorno alle posizioni estremiste di Salvini avverto lo stesso consenso che a dodici anni, nel 1937, sentivo intorno a Mussolini”.
7 luglio
  • Gad Lerner: “Il Pd ha sottovalutato il pericolo rappresentato da Salvini e dal fascioleghismo”.
6 luglio
  • Nina Zilli: “Basta guerra, siamo nel 2018. Peace. Tutti devono avere il diritto alla vita. Fanc… Salvini, evviva i bambini”.
25 giugno
  • Luca Barbarossa: “Qualcuno gioca con la paura e non si fa. Soprattutto non si gioca con le vite umane dei bambini ripescati in mare per pericolo di naufragio e di morte, cose che purtroppo accadono spesso nel Mediterraneo”.
24 giugno
  • Furio Colombo: “In questi brutti giorni, l’Eichmann italiano appare fiancheggiato da alcuni che desiderano avere un posto nella storia tra i persecutori di disperati, i denigratori dei salvatori (le Ong ladre e bugiarde) e i narratori di storie di complotti (fake news)”.
22 giugno
  • Graziano Delrio: “Salvini è la causa del problema, non la soluzione”.
19 giugno
  • Inoki Ness (rapper): “Salvini brucia male, vivo. Salvini, perché sei ancora vivo? Io spero che ti stuprino in massa. Spero veramente che ti capitino cose brutte”.
18 giugno
  • Matteo Riva (ex consigliere regionale dell’Emilia): “Salvini è un bastardo assassino. È una merda come Hitler e quando avrà finito con i neri passerà alle donne che non seguono la dottrina cristiana della fede”.
17 giugno
  • Matteo Renzi: “Matteo Salvini ha fatto il bullo con 629 disgraziati”.
  • Vittorio Zucconi: “Salvini è quello coi baffi (foto di Salvini in una stalla)”.
16 giugno
  • Don Aldo Antonelli: “Salvini è un fascista e un razzista, non ci piove. Dice più o meno le stesse cose di Hitler. Che fino a quando era vivo riempiva le piazze ed è diventato un mostro, e spero lo diventi anche lui. Non gli batto le mani”.
15 giugno
  • Gemitaiz (rapper): “Salvini ti auguro il peggio. Se muori facciamo una festa”.
  • Gemitaiz (rapper): “Il suo modo di comunicare e gestire la cosa ha dell’odio di fondo. È un razzista, per quello che ha fatto in passato, per le uscite che ha avuto, sono cose che non possono essere dimenticate. Nella sua posizione non c’è una questione meramente politica, c’è una questione di base, un dato di fatto, lui non considera queste persone al suo stesso livello. Qui si parla di razzismo. Il razzismo è come il nazismo, dobbiamo andargli contro.
13 giugno
  • Yanis Varoufakis: “Salvini ha costruito la sua intera campagna elettorale sulla xenofobia, parlando alle paure e al malcontento delle buone persone, appropriandosi della loro anima e prendendo i loro voti per il suo potere personale. Una politica che punta a imprigionare 500mila migranti e ad espellersi non si sa dove: questo progetto è tipico del fascismo e del nazismo”.
11 giugno
  • Leoluca Orlando: “Chi non capisce che esiste una sola razza è un criminale nazista. Salvini è un ministro scimunito che sta facendo arretrare tutto il Paese”.
6 giugno
  • Oliviero Toscani: “Salvini? Vuole tagliare i soldi ai migranti, ma stia attento che prima o poi gli taglieranno le palle”.
4 giugno
  • Vauro (vignettista): “Chi dichiara che è finita la pacchia o che le Ong sono vicescafisti non è più un imbecille da un palco ma è un imbecille dallo scranno del ministero degli Interni”.
1 giugno
  • J-Ax e Fedez: “Vediamo se ci mandano al confino, al limite faremo i dischi da lì, adesso dovrà dimostrare quanto è democratico»”.
6 maggio
  • Carlo De Benedetti: “Salvini è antisemita, antieuropeo e finanziato da Putin”.

immagine: © partyadela.ru

I reportage dall'Italia e dal Mondo

Vuoi sapere meglio le cose? Vai agli APPROFONDIMENTI →

STAI ANCORA UN PO' CON NOI! LEGGI ANCHE QUI: