India, storica decisione della corte Suprema: l’omosessualità non è più reato

Punita finora quale “crimine contro natura”, in India l’omosessualità non è più un reato

omosessualità
New Delhi – Con una storica decisione la Corte Suprema ha cancellato la sezione 377 del codice penale. Dopo 157 anni, l’omosessualità, considerata “crimine contro natura“, non è più reato.

È festa a New Delhi dopo la sentenza della Corte Suprema. Le comunità gay hanno vinto la loro battaglia dopo 157 anni di lotte. L’omosessualità è stata depenalizzata. Considerata una “offesa contro natura“, poteva essere punita fino a 10 anni di carcere.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

A dare la notizia è l’agenzia stampa ANI: il collegio della Corte Suprema, composto da cinque giudici e presieduto dal Ministro della Giustizia Dipak Misra, ha finalmente dichiarato che “la criminalizzazione è irrazionale e indifendibile. L’omosessualità è una inclinazione naturale e sfugge al controllo“.

Il codice penale indiano, redatto nel 1860, citava: “Chiunque, volontariamente, abbia un rapporto carnale contro l’ordine della natura con un uomo, una donna o un animale, sarà punito con la prigione a vita o per un periodo che può arrivare a dieci anni“. Secondo i dati ufficiali, nel 2016 sono stati registrati nel Paese ben 2.187 casi di “reati contro natura“, 7 i condannati e 16 le persone prosciolte.

Nel 2009 la Corte Suprema aveva già abrogato la norma, ma nel 2013 le ripetute richieste delle comunità religiose indù, musulmana e cristiana indussero il Governo a rivalutare le relazioni tra persone dello stesso sesso. In quell’occasione il Cardinale Oswald Gracias, tra i membri del “Consiglio della Corona“, sottolineò che gli omosessuali avessero la stessa dignità di ogni altro essere umano.

Grande festa per gli attivisti della comunità LGBT indiana e di tutto il mondo dopo anni di battaglie. La legge era diventata una persecuzione. I colori arcobaleno hanno riempito le strade indiane, da New Delhi a Mumbai, per celebrare una decisione che sarà ricordata a lungo .

immagine: © – eyeni.info

Vuoi sapere meglio le cose? Vai agli APPROFONDIMENTI →

STAI ANCORA UN PO' CON NOI! LEGGI ANCHE QUI: