Il nestling: quando scegli di stare a casa piuttosto che uscire

- Ultimo aggiornamento: 6 febbraio 2018 -

Preferisci rimanere da solo a casa invece della solita serata mondana? Una nuova tendenza si affaccia da una decina di anni nella società contemporanea e da poco ha anche un nome: è il nestling

Nestling
Il nesling (trad. nido) è una nuova tendenza, sempre più seguita nel caotico scorrere della società attuale, in risposta ai ritmi sfrenati del lavoro, degli interessi condivisi. E’ l’esigenza di chi preferisce rimanere a casa, anziché uscire. E’ un modo per riconcentrarsi su se stessi, dedicarsi ad attività rigeneranti che ci rimettano in sintonia col nostro habitat, di recuperare un equilibrio. Il nostro corpo si risintonizza con la nostra mente.

Rimanere a casa è dunque cool: seguire le ormai innumerevoli serie TV, comunicare tramite app, inventarsi un hobby in casa. Non più una birra tra amici fino a tarda sera, ma una sana tisana calda sul divano, e a letto presto: questa è la necessità.  I ritmi caotici e rumorosi che ci coinvolgono quotidianamente spesso ci impediscono di tuffarci nella mondanità. Vogliamo stare da soli, leggere un buon libro e ascoltare la musica che ci piace. Il compromesso con i desideri degli altri è fuori discussione. A casa troviamo comprensione e calore.

Eppure a volte non riusciamo a dire di no, aderiamo alle scelte di chi ci sta intorno per timore di esserne poi completamente esclusi. Ci precludiamo la possibilità di essere contenti di una serata libera e casalinga, ascoltare solo le nostre necessità.

Secondo alcuni psicologi, il nestling, questa voglia di rimanere da soli, protetti nel calore del proprio nido, ci allontana dal gruppo, e non favorisce l’evoluzione personale. Secondo altri ci rimette di fronte a noi stessi ed effettivamente ci ricarica, per affrontare meglio le nostre relazioni, apparire più sereni e, appunto, più cool!

immagine: © morethanwords.ph